Il virus Zika continua a mietere timore non più in Brasile ed in Sud America ma anche in Europa e lo testimonia il fatto che il numero di contagiati in Spagna è salito a 105, fra cui 13 donne incinte. Purtroppo sempre in Spagna si è verificato il primo caso di bambino microcefalo, nato da una donna la quale sarebbe rientrata da poco dal Sud America e sarebbe rimasta incinta poche settimane dopo aver contratto il virus Zika.

Il piccolo appena nato, è il secondo ad essere venuto venuto alla luca con questa gravissima anomalia cranica ed i medici hanno spiegato che esiste realmente il legame tra l’effetto del virus e la deformità. La notizia relativa alla nascita del bambino microcefalo è stata confermata dall’agenzia regionale della Sanità.La Spagna sembrerebbe essere la regione più colpita purtroppo, anche se bisogna dire che nella maggior parte dei casi,i contagiati sono risultati essere viaggiatori provenienti proprio dai paesi maggiormente incriminati e colpiti, come il Brasile ed il Sud America in generale.

In Brasile il bilancio è piuttosto grave, visto che ad oggi sono circa 57 i bambini morti e 1.271 colpiti da microcefalia, dall’inizio dell’epidemia, ovvero dal mese di ottobre 2015. Proprio nelle ultime settimane, le autorità hanno segnalato 3.580 casi sospetti.